Prima di proseguire leggi l’articolo precedente Tech corner: gli inchiostri per la stampa digitale (parte 1).

stampa professionale Italia

Inchiostri e vernici UV

Il processo di stampa offset che utilizza inchiostri UV è caratterizzato dalla reazione chimica dei pigmenti di colore ai raggi Ultravioletti che creano un film protettivo sul supporto. Grazie alla capacità di aderire e di asciugarsi in tempi brevi di queste vernici è possibile stampare su qualsiasi supporto non assorbente. Gli inchiostri UV d’altro canto risultano più cari rispetto alle vernici tradizionali, come risulta più oneroso l’intero processo di stampa a raggi Ultravioletti che risente delle alte misure di precauzione dovute all’eliminazione dei vapori inquinanti.

Inchiostri ibridi:

Gli inchiostri ibridi sono conosciuti per reagire nel processo di essiccazione sia attraverso l’ossidazione, sia tramite raggi Ultravioletti. Queste particolari caratteristiche offrono dunque un processo versatile ed economicamente conveniente, pur mantenendo un’elevata qualità di stampa. Il metodo ibrido è divenuto nel corso degli anni applicabile nella maggior parte della stampa offset senza presentare i problemi legati ai vapori nocivi della stampa UV.

Inchiostri per sublimazione:

Nel settore della stampa il processo di sublimazione è necessario per unire i pigmenti colorati alle superfici dei vari supporti. L’introduzione degli inchiostri sublimatici ha però abbassato notevolmente il costo dell’intero processo e ha conferito a questa tecnica di stampa resistenza agli agenti atmosferici e all’usura.

Puoi approfondire l’argomento con i nostri tech corner sul modello colore pantone o su altre scale di colore oppure direttamente visitando il sito di TicTacStampa: la stampa digitale in Italia.